Articoli con tag: Sisto Riario Sforza

FROM THE END OF BOURBON KINGDOM TO THE UNITED ITALY

The women Neapolitan scene in the middle of the  nineteenth century was characterized by the presence of Paolina Caraven de la Ferronays and Teresa Filangieri – this one a descendent of the  Normand nobles  being  a daughter of General Carlo Filangieri and wife of Duke of Roccapiedimonte.

Teresa Filangieri and Caraven  allocated   the income from theatre shows for charity purposes,  engaged themselves  in gathering youths from  the streets, teaching them the bases of writing and literature, educating them in their own homes as  domestic servants and gardeners, allowing them a more respectable future.

In 1861 Teresa Filangieri lost her daughter Lina and later she was appointed  patron of the Strachan Institute – a college for  sightless  girls.  In 1873, during the cholera  outbreak she was charged with the organization of  cooking  kitchens free of charge. In 1880 she organized the first pediatric/surgical  hospital in Italy, named after  her dead daughter. Beside being a laic founder of charity enterprises, T. Filangieri was a writer too and she died in 1909.

The women Neapolitan scene in the middle of the  nineteenth century was characterized by the presence of Paolina Caraven de la Ferronays and Teresa Filangieri – this one a descendent of the  Normand nobles  being  a daughter of General Carlo Filangieri and wife of Duke of Roccapiedimonte.

Teresa Filangieri and Paolina

An important figure was Father Francis from Casoria, born in 1814, after his  priest ordination  he dedicated himself to infirm people and he followed  Matteo Ripa’s example, who founded the college for the education of  Chinese and orient clergymen, becoming,  after the Italy Unit,  the  “Asian College” and in 1888  “Orient Institute”, the actual University.

istituto orientale napoli

In  1854 he dedicated himself to the rescue of the African children sold like slaves. Those children were taken into a monastery and  educated in a Christian way. In this enterprise Father Francis from Casoria involved King Frederic II too, who expropriated the building near the convent thus allowing  its enlargement.

Among his other foundations we remember the “Hostel Marino” in Via Posillipo,  the “Institute for deaf and dumb” and the  Order of  Bigi Friars and Elizabeth Nuns.

Immagine

In 1871 Father Francis from Casoria was called to Assisi for the foundation of the “Seraphic Institute” for sightless and deaf-dumb people, where he worked as manager till 1881.

– Education actions for  deaf-dumb people started in Naples in 1788  with  a school lead by Abbot Benedetto Cozzolino,  this  was the first public school recognized in Italy.

– In Italy  school education for deaf-dumb people became compulsory in 1923.

In 1885 Father Francis from Casoria died and was buried in the “Hostel Marino”. In 1993 Pope Johan Paul  beatified him.

A friend and disciple of Father Francis  from Casoria was Caterina Volpicelli who in the middle of the XIX century founded a religious congregation not making  compulsory the ceremony of taking the habit and open even to married women. Caterina Volpicelli was born in 1839, she received her education in the best Neapolitan schools and was a student of Leopoldo Rodinò – school of Basilio Puoti. In 1855 she kew Ludovico from Casoria uselessly trying  to put her into any religious order.

In 1864, according to the nuns tradition, she consecrated and dedicated herself to the  prayer apostolate  practice, such as a very common habit in France. Thus Volpicelli’s actions  attracted new followers  and caught the attention  of the Holy Heart Nuns of Montluçon who considered the Volpicelli’s operating as a Neapolitan section of  the  French order. But  that was  opposed by Sisto Riario Sforza, Naples Archbishop, underlining the specific Neapolitan  character of Volpicelli’s work.

In 1872 Caterina Volpicelli founded  the Institute of the Holy  Heart Maidservants with a new own structure:

– Maidservants   –  central community;

– Little Maidservants –  they could keep living in their own families;

– Aggregated Maidservants  – cooperating in the order mission, even being married.

It was a congregation without  a religious uniform receiving the Decretum Laudis from the Holy See in 1890. In 2001  Pope John Paul II  beatified  her.

A friend of Ludovico from Casoria was  Bartolo Longo, the founder of the Sanctuary Church of Valle Pompeii. Bartolo Longo was born in 1841 in the Province of Brindisi,  he came to Naples to accomplish his law studies.

The strong anticlericalism  wide spread in the universities influenced a lot on Bartolo Longo. But due to friendship with  good catholics  he returned to a  convinced christian life.

Thanks to his being acquainted with Caterina Volpicelli he kew Ludovico from Casoria and Marianna Fernararo –  widow of Count De Fusco and  owner of many properties in the Pompeii valley.  Bartolo Longo proposed himself as a teacher  of the Countess’  children and as her properties administrator. They  got married a few years later.

The Pompej valley was in very bad and unhealthy  conditions due to the  overflowing of the river Sarno. Bartolo Longo decided to evangelize the peasants by the rosary practice.

In 1875 Longo  brought to Naples a picture of  Madonna del Rosario ( Rosary Virgin picture ), which became  a goal of pilgrimages due to its miracle qualities.

Its fame  grew so large that it was necessary to build a new temple, the actual  Pompeii  Basilica .

santuariodipompei

B.Longo died in 1926 and was beatified in 1980.

Annunci
Categorie: English, History | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 5 commenti

Dalla fine del regno Borbonico all’unità d’Italia

L’ambiente intellettuale femminile napoletano  di metà ottocento fu caratterizzato dalla presenza di Paolina Caraven de la Ferronays  e Teresa Filangieri  – quest’ultima discendente della nobiltà Normanna in quanto figlia del generale Carlo Filangieri e moglie del Duca di Roccapiedimonte .

Teresa Filangieri e Paolina Caraven , destinarono alla beneficenza il ricavato degli spettacoli teatrali, si impegnarono a raccogliere dalla strada i giovani , insegnandogli le basi della letteratura e della scrittura, educandoli nelle loro case come domestici e giardinieri così da assicurargli un futuro rispettabile.

Nel 1861 Teresa Filangieri  perse la figlia Lina, successivamente fu nominata patrona dell’”istituto Strachan” – convitto per fanciulle non vedenti –

Nel 1873 in occasione del colera le fu dato l’incarico di organizzare cucine gratuite.

Nel 1880 realizzò il primo ospedale pediatrico/chirurgico in Italia , intitolato alla figlia morta.

Oltre ad essere fondatrice laica di opere di carità , la Filangieri fu anche scrittrice. Morì nel 1909.

Una figura importante fu Padre Francesco da Casoria,  nato nel 1814, dopo l’ordinazione sacerdotale si dedicò agli infermi .  – seguendo l’esempio di Matteo Ripa che fondò il collegio per la formazione del clero cinese,e orientale che dopo l’unità d’Italia divenne “Collegio Asiatico” e nel 1888 “Istituto Orientale”  l’attuale università. –

Immagine

Nel 1854 si dedicò al recupero dei bambini africani venduti come schiavi.

I bambini venivano portati in convento e avviati ad una formazione cristiana.

In quest’iniziativa Padre Francesco da Casoria coinvolse anche Federico II  che espropriò l’edificio accanto al convento così da permetterne l’ampliamento.

Tra le altre sue fondazioni ricordiamo “l’ospizio Marino” di Via Posillipo , “l’istituto per sordomuti” e l’ordine dei Frati Bigi e delle suore Elisabettine.

Immagine

Nel 1871 Padre Ludovico da Casoria fu chiamato ad Assisi per la fondazione dell’ Istituto Serafico per non vedenti e sordomuti, in cui rimase come direttore fino al 1881

–          l’azione educativa a Napoli per i sordomuti iniziò nel 1788 con una scuola ad opera dell’Abate Benedetto Cozzolino,  e fu la prima scuola pubblica riconosciuta in Italia  –

–          In Italia l’istruzione per i sordomuti divenne obbligatoria solo nel 1923.

Nel 1885 Padre Ludovico da Casoria morì e fu sepolto nell’Ospizio Marino.

–          Nel 1993 Papa Giovanni Paolo II lo proclamò Beato. –

Amica e discepola di Padre Ludovico da Casoria fu Caterina Volpicelli  che nella metà del XIX secolo fondò una congregazione religiosa che non prevedeva la vestizione canonica che accoglieva anche donne sposate.

Caterina Volpicelli nacque nel 1839,  ricevette l’istruzione nelle migliori scuole napoletane, fu allieva di Leopoldo Rodinò – scuola di Basilio Puoti-

Nel 1855 conobbe Ludovico da Casoria che cercò invano di inserirla in qualche ordine religioso.

Nel 1864 secondo la tradizione delle bizzoche , si consacrò e si dedicò all’ “apostolato della preghiera” pratica diffusissima in Francia, lopera della Volpicelli attirò altre adesioni e l’attenzione delle Oblate del Sacro Cuore di Montluçon che ritenevano l’azione della Volpicelli  come appendice napoletana dell’opera Francese. A questo si oppose Sisto Riario Sforza, arcivescovo di Napoli che sottolineava la napoletanità delle opere di Caterina Volpicelli .

Nel 1872  Caterina Volpicelli   fondò  l’istituto delle Ancelle del Sacro Cuore con una nuova struttura interna:

–          Ancelle – comunità centrale

–          Piccole Ancelle – potevano vivevano in famiglia

–          Aggregate – che condividevano la missione seppur sposate

Una congregazione senza abito religioso che ottenne il Decretum Laudis dalla santa sede nel 1890.

Nel 2001 il papa Giovanni Paolo II la proclamò Beata.

Amico di Ludovico da Casoria  fu Bartolo Longo, il fondatore del santuario di Valle di Pompei.

Bartolo Longo nacque nel 1841 in provincia di Brindisi, si trasferì a Napoli per terminare gli studi di giurisprudenza.

Il forte anticlericalismo diffuso nelle sedi universitarie condizionò fortemente B. Longo.

In seguito ad amicizie con ferventi cattolici , ritornò ad una convinta vita cristiana.

Grazie alla conoscenza con la Volpicelli conobbe Ludovico da Casoria e Marianna Fernararo – vedova del conte De Fusco che aveva numerosi possedimenti nella valle di Pompei –

Bartolo Longo si offrì di essere precettore dei figli della contessa e di amministrare i beni, dopo pochi anni si sposarono.

La valle di Pompei in seguito allo straripamento del Sarno era in condizioni malsane.

Bartolo Longo decise di evangelizzare i contadini attraverso la pratica del rosario.

Nel 1875 Longo portò a Napoli un quadro della Madonna del Rosario, che divenne meta di pellegrinaggio date le qualità taumaturgiche.

La sua fama divenne tale che fu necessario costruire un nuovo tempio; l’attuale basilica di Pompei.

Immagine

Nel 1926 Bartolo Longo morì e nel 1980 fu beatificato.

Categorie: Italiano, Storia | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 3 commenti

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.