Articoli con tag: catacombe

Le Catacombe

Le colline tufacee fin dall’età antica si sono prestate alla costruzione di tombe sotterranee.

Le catacombe cominciarono a svilupparsi dal II secolo fino al X° ( al II secolo risalgono le pittore più antiche conosciute).

Il cristianesimo si diffuse dal I secolo, e di questo sviluppo ne sono testimonianza i privilegi dati dall’imperatre Costantino , un esempio è la costruzione del Battistero di San Giovanni in Fonte.

Massima espressione della cultura paleocristina sono: Le Catacombe di S.GEnnaro- S.Gaudioso-S.Eufebio .

S.Gennaro.

Così chiamata dal nome del vescovo di Benevento martire a Pozzuoli nel 305.

Le reliquie traslarono a Napoli nelle catacombe nel V secolo.

Si ha accesso dalla chiesa del Buon Consiglio .

Il nucleo originario era un ipogeo gentilizio di una famiglia cristiana del II secolo.

Numerosi furno i lavori di espansione,che terminarono nel IV secolo con il raggiungere di un secondo livello di gallerie.

Nel V secolo i fedeli volevano essere seppelliti di fianco al santo, e fu necessario un ulteriore ampliamento con l’apertura di nuovi cubiculai.

L’antica tomba è formata da una sala trapezoidale con al centro una fonte battesiamle, voluta da Paolo II.

Nel 776 si ha la ridipintura dell’aula con l’affresco del battesimo di Cristo.

A Sud troviamo la basilica di Agrippino risalente al V secolo, degne di nota sono le pitture raffiguranti il santo che guarisce il Moro, opere risalenti alla metà del IX secolo.

Alle spalle del vestibolo si trovano i sepolcri.

La catacomba superiore risalente al III secolo, è formata da due ambienti quasi quadrati comunicanti tra loro attraverso una scalinata.

Che il sepolcro appartenesse ad una comunità cristiana , è dimostrato da un affresco di Adamo ed Eva sul soffitto.(risalente al III secolo)

Mal conservata è la scena di due donne che costruiscono una torre, tratta da un opera greca “il pastore di erme”.

Il centro della catacomba è la Cripta Dei Vescovi.

Cripta dei Vescovi

Cripta dei Vescovi

Decorata da mosaici che ritraggono vescovi del V secolo , notevole è quello del vescovo di Cartagine , un campo circolare di tessere dorate circondano il vescovo africano riconoscibile dalla diversa colorazione delle tessere, che regge il libro degli evangeli.

In questa stessa cripta furono sepolti tutti i vescovi del Vsecolon ma l’assenza di iscrizioni non ne permette l’identificazione.

Cataomba di S.Gaudioso.

Si trova presso la chiesa di S.Maria della Sanità.

Deve il suo nome ad un vescovo africano che morì esule a Napoli nel 452.

E’ possibile accedere alle catacombe attraverso un passaggio sotto l’altare.

Si accede ad una doppia fila di cubiculi , ritrovati dopo che nel 1616 i domenicani avevano ostruito il passaggio con dodici altari .

La tomba di S.Gaudioso è riconoscibile dall’epitaffio in mosaico in cui è appunto raffigurato il santo.

Catacombe di S.Eufebio.

Devono il nome all’VIII vescovo di Napoli.

Le catacombe furono riscavate nel 1931 i due affresci ritrovati risalgono uno al V secolo ( orante con tunica rossa tra due santi ) la seconda pittura rappresenta una defunta tra gli arcangeli Michele e Gabriele.

Categorie: Archeologia, Italiano | Tag: , , , , , , , , , , | Lascia un commento

La Napoli Cristiana

Agli albori del cristianesimo è la religiosità al femminile ad avere un ruolo importante.

Una leggenda vorrebbe Napoli come prima città cristiana.

S. Pietro si sarebbe fermato a Napoli durante il viaggio da Antiochia a Roma, dove avrebbe fondato la chiesa, nel luogo ricordato dalla basilica di S. Pietro ad Arem.

Nel soggiorno a Napoli S. Pietro avrebbe convertito Candida, che gli avrebbe presentato Aspreno , primo vescovo della città dopo essere stato miracolosamente guarito.

Importante è il tentativo di attribuire a Napoli la primogenitura in occidente della fede cristiana.

Basta tener conto che già nel IV secolo a Napoli fu edificato il primo battistero “S. Giovanni in Fonte” che precederà quello romano di “S. Giovanni in Laterano”.

1_Copia

Le origini della chiesa a Napoli durante il secolo I sarebbero confermate dalla diffusione che ebbe “il pastore di erme” , scritto apocalittico che ebbe grande fortuna nei secoli della diffusione del volgare.

Testo che in epoca Traianea avrebbe ispirato la realizzazione di uno dei più antichi affreschi paleocristiani presenti a Napoli  nelle catacombe  di S. Gennaro.

Catacombe_Di_San_Gennaro-visite-guidate_1

La vicinanza a Pozzuoli che già quando vi approdò s. paolo – 61dc- nel suo viaggio verso Roma , vantava di una fiorente comunità cristiana e  la posizione di Napoli come città aperta al progresso, giustificherebbero la presenza cristiana già in età apostolica.

Nonostante l’importanza delle origini della tradizione cristiana napoletana legata  direttamente a S. Paolo, la Napoli vicereale sentì la necessità di una ri-fondazione cristiana della città, ad opera della vergine S.Patrizia, di cui si hanno po che informazioni , se non la tradizione e la memoria ancora presente , tra cui le reliquie custodite dal XIX secolo nella chiesa di San Gregorio Armeno.

Anche S. Patrizia come S. Gennaro liquefa il sangue ma non per martirio ma per eccessiva devozione.

C’è chi sostiene che il mito della devozione della santa potrebbe avere origini ai tempi della controriforma protestante aggiungendo valore alla tradizione e al culto.

La costruzione del mito di S. Patrizia fa emergere la “sete di sacro” che fin dal medioevo ha portato Napoli ad accaparrarsi santi non suoi.

Lo stesso S. Gennaro  (martire del IV secolo) patrono della città non è propriamente napoletano,  fu decapitato a Pozzuoli quando era vescovo di Benevento. Le reliquie traslarono nelle catacombe a lui dedicate solo nel V secolo.

Restituta  è una martire africana, la cui leggenda vuole che le sue spoglie fossero arrivate ad Ischia a bordo della stessa nave che gli avrebbe fatto da patibolo.

Napoli ha cercato di accaparrarsi santi anche se non propri perché nella bi-millenaria tradizione cristiana non conta martiri.

Il medioevo napoletano ha visto la fondazione della prima università statale della storia nel XIII ad opera di Federico II di Svevia .

A frequentare quest’università fu Tommaso d’Aquino .

Tommaso nacque dal conte d’Aquino  e da bambino fu avviato agli studi dai monaci Benedettini dell’abbazia di Montecassino ,

in seguito alla trasformazione di questa in fortezza militare si trasferì a Napoli.

Nel 1244 entrò a far parte dell’ordine domenicano, nel 1245 si trasferì a Parigi e successivamente a Colonia.

Dopo l’esperienza tedesca insegnò teologia allo “studium” napoletano. In quest’ultimo periodo scrisse le sue memorie conservate nella basilica di S. Domenico Maggiore, -Napoli- dove il crocifisso gli avrebbe parlato e si sarebbe congratulato per la sua opera.

800px-SanDomenicoMaggioreNaples-2_Copia

Tommaso morì nel 1274  a Fossanova mentre andava a Lione per il concilio indetto da Papa Gregorio IX.

Categorie: Italiano, Storia | Tag: , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Blog su WordPress.com.